BCC sostiene lo “slow food” locale del panificio pasticceria Gobatto di Grado

16 Gennaio 2023
di Stefano Mattia Pribetti

BCC sostiene lo “slow food” locale del panificio pasticceria Gobatto di Grado

Pane fatto a mano con lievito madre e panettoni artigianali, un’attività in voga da 65 anni, che ha anche tre punti vendita a Lignano Sabbiadoro.

Bcc Panificio Gobatto2

Ci sono commercianti che cavalcano l’onda controcorrente in un mare di competitor che, orientati da risparmio e profitto, sacrificano la qualità del prodotto. La BCC Staranzano e Villesse lo sa e presta attenzione alle realtà del territorio che decidono di preservare la propria unicità ed eccellenza, per questo sostiene il panificio - pasticcceria Gobatto di Grado. Un’arte che si è tramandata per tre generazioni, dal nonno al nipote Alexandro, che gestisce il punto vendita di Grado. La famiglia Gobatto, infatti, è attiva nel settore dal 1958 a Lignano Sabbiadoro, dove ha già tre punti vendita.
“Siamo dei veri e propri artigiani –spiega Alexandro Gobatto–, il 99 per cento del pane lo faccio io a mano e uso lievito madre fresco come si faceva una volta. È stata una mia decisione perché ho visto molti altri colleghi puntare alla quantità perdendo la qualità e avvicinando il loro pane a quello dei supermercati. Il risultato è che molti clienti si sono allontanati, mentre il mio obbiettivo è quello di avvicinarli, ricreando per loro il sapore di una volta. Per fortuna stanno rispondendo bene”.

Image

Il panificio Gobatto è attento all’aspetto etico, fa parte del consorzio Etica del Gusto Ets e collabora con le Onlus locali tra cui Progettoautismofvg.

Tra le specialità, oltre al pane, ci sono la focacceria salata, i panettoni e le colombe con lievito madre. Un’attività in crescita e in divenire, che con l’aiuto di BCC ha eseguito importanti lavori di riqualificazione e il prossimo anno aggiungerà al panificio anche la parte caffetteria, rimodernando completamente i locali.
Il panificio Gobatto fa parte di Etica del Gusto Ets, associazione senza scopo di lucro di cui fanno parte oltre 30 artigiani locali accomunati dall’attenzione per l’aspetto etico del lavoro e dalla cura con cui sono scelte le materie prime e lavorati i prodotti.
Diverse le collaborazioni con alcune Onlus del Fvg, tra cui i bambini di Progettoautismofvg: invece di buttare le latte di pomodoro usate per la pizza, il panificio le ha date ai ragazzi per creare dei barattoli, usati poi per contenere panettoncini e biscotti. Parte dei ricavi sono stati devoluti all’associazione.

Image