Il Magazine della BCC Venezia Giulia

Il magazine della BCC Venezia Giulia

La tua Europa nel futuro: il vincitore è Thomas Waldner

28 Novembre 2023
di Stefano Mattia Pribetti

La tua Europa nel futuro: il vincitore è Thomas Waldner

Uno studente di 18 anni che ha risposto alla sfida lanciata dalla nostra Banca inviando il progetto di un auditorium polifunzionale con un parco ecosostenibile senza barriere architettoniche.

Uno spazio dedicato alla promozione della cultura, completamente inserito in un parco ecosostenibile accessibile a tutti. Non stiamo parlando di una realtà esistente purtroppo, ma di una lungimirante idea che arriva da un ragazzo 18enne. La nostra Banca ha infatti lanciato ai giovani del territorio una sfida intitolata “La tua Europa del futuro in 10mila caratteri - un progetto per il territorio tra sogni, Green Deal e libertà”, e ha premiato il miglior progetto presentato. Si tratta di un auditorium basato sulla struttura di un antico anfiteatro romano, di fatto uno spazio polifunzionale accessibile a tutti, circondato da un grande parco attrezzato e sostenibile in ogni suo aspetto. L’autore è Thomas Waldner, un giovane che ha dalla sua parte un’ampia rosa di talenti e una mente curiosa, in grado di assemblare diversi spunti per plasmare la sua idea di un futuro migliore. Thomas frequenta il quinto anno del liceo scientifico Buonarroti di Monfalcone e i suoi interessi spaziano attraverso le più disparate discipline. Suona due strumenti, il trombone e l’euphonium (uno strumento a fiato simile alla tuba), fa parte di due ensemble musicali di Ronchi, la banda cittadina e la filarmonica del teatro Verdi. Ha praticato diversi sport tra cui danza, nuoto e basket, fino all’atletica, che ha momentaneamente sospeso per dedicarsi agli studi dell’ultimo anno. “Ho pensato a questo auditorium ispirandomi alla mia passione per la musica e avendo in mente una realtà simile che si trova a Portorose -spiega Thomas. Siccome il progetto era legato al Green Deal ho immaginato una situazione completamente ecosostenibile, in grado di alimentarsi da sé, ma principalmente un luogo in cui esprimere l’arte in ogni sua forma”.

Una location che ospiterà spettacoli, concerti e aule studio. Sale per la musica o per attività ludiche. Il parco sarà interamente green e tutto il comprensorio sarà alimentato a pannelli solari.

L’auditorium è immaginato come location per concerti e spettacoli, ha una copertura ma è aperto lateralmente ed è dotato di spalti semicircolari che racchiudono un palco molto ampio. Sotto gli spalti vengono costruite sale polifunzionali che possono ospitare mostre, aule studio, sale per la musica o per attività ludiche con giochi da tavolo, in modo da rappresentare un punto d’incontro per la cittadinanza anche d’inverno o col maltempo. Previsto un bar e una sala per i compleanni. Il tetto della struttura è coperto da pannelli solari per alimentare sia la struttura che il parco circostante. Parco in cui sarà piantumata vegetazione autoctona, etichettata con targhette apposite, come un parco botanico. 

Ci saranno aree giochi con percorsi tattili per bambini e campi per praticare sport, dal calcio al cricket, dal corpo libero al ping pong. Il tutto realizzato con materiali riciclati, illuminato con lampioni a led e dotato di piste ciclabili collegate a quelle esistenti nella viabilità cittadina. Non mancheranno colonnine di ricarica per le bici elettriche e tutti i luoghi rilevanti saranno collegati con strade asfaltate a misura di persone con disabilità. Periodicamente il parco ospiterà un mercato a chilometro zero. Il progetto ha ricevuto un riconoscimento da parte della Bcc Venezia Giulia, che da sempre guarda ai giovani come a una risorsa per il futuro.

Ultimi Articoli