Crali Aeropittore, sempre futurista

8 Luglio 2022
di Michela Pitton

Crali Aeropittore, sempre futurista

La rassegna conclusiva dedicata all'artista alla Galleria Comunale di Monfalcone dall'8 luglio.

Bcc Crali1

Dopo il grande successo della mostra "Crali e il Futurismo. Avanguardia Culturale" allestita nel 2019 a Monfalcone con oltre diecimila visitatori, successivamente in parte ospitata alla nota Estorick Collection of Modern Italian Art di Londra, si presenta ora l'opportunità di visitare la rassegna conclusiva sull'artista: torna infatti a Monfalcone una nuova esposizione dedicata al più autorevole esponente internazionale di aeropittura futurista, la mostra CRALI AEROPITTORE, SEMPRE FUTURISTA.
L'esposizione - curata dall'avvocato Marino De Grassi - inaugurata giovedì 7 luglio alle 21 in piazza Cavour potrà essere visitata alla Galleria di Monfalcone dall'8 luglio al 25 settembre. Ancora una volta, la Banca di Credito Cooperativo di Staranzano e Villesse sostiene quale main sponsor il Comune di Monfalcone che eleva la sua offerta espositiva e culturale, proponendo più di ottanta opere provenienti da collezioni pubbliche e private, che hanno permesso di completare la documentazione visiva di tutta la produzione artistica di Tullio Crali.

L'artista (lgalo 1910 - Milano 2000), riconosciuto in Italia e nel mondo come maggior esponente di aeropittura, scelse personalmente molte delle opere presenti in questa mostra a Monfalcone, affinché tramite esse potesse essere consegnata ai posteri una sintesi qualificata di tutta la sua produzione creativa.

Compongono questa esposizione una serie di aeropitture e altri dipinti a soggetto futurista, uniti a bassorilievi, polimaterici e grafiche, tra cui uno dei capolavori dell'artista e di tutta l'aeropittura italiana, Incuneandosi nell'abitato (ln tuffo sulla città) del 1939, che entusiasmò Marinitti a tal punto da giudicare pubblicamente Crali come "il più grande aeropittore italiano". È proprio la sua aeropittura il corpo centrale di questa rassegna allestita nella sala principale della Galleria d'Arte monfalconese .

Integrano il panorama aeropittorico in mostra alcuni importanti dipinti risalenti al primo decennio dell'attività artistica di Crali: In volo sui campi di battaglia, 1938 (CCIAA della Venezia Giulia), e Veduta aerea con il Castello di Gorizia,1946 (Musei Provinciali- ERPAC): un'antologia di arte e vita di un grande artista, nato in Dalmazia e a lungo vissuto a Gorizia. L'esposizione prosegue nelle sale successive al corpo centrale con una suggestiva sequenza di pitture che vuole raccontare Tullio Crali come un artista a tutto campo: Risveglio di metropoli,1930 (una tra le prime opere di successo dell'artista), ma anche sei bassorilievi, nati dalla sperimentazione di varie tecniche e materiali e che raffigurano, oltre allo stesso autore (Crali 1942/70),alcuni dei maggiori personaggi del Futurismo: Marinetti poeta dei tecnicismi (Zang- Tumb Tumm, 1942/70), Boccioni (1942/70), Russolo (1942/70), Sant'Elia (1942/70) Prampolini (1942/70). Protagonisti della rassegna anche polimaterici, sculture e composizioni su tavola - anche in rilievo - oltre ad alcuni suggestivi disegni di architetture.

La Banca organizzerà a settembre delle visite guidate. Per chi già volesse recarsi alla mostra (che potrà essere visitata con uno straordinario orario esteso nel fine settimana anche alla fascia serale per permettere a tutti i visitatori di poter godere di questa esperienza culturale di altissimo spessore) la Galleria Comunale sarà aperta lunedì e mercoledì dalle 10 alle 13 e nel fine settimana (venerdì, sabato, domenica) dalle 10 alle 23 e dalle 18 alle 23.

Il sabato e la domenica sarà possibile prendere parte alle visite guidate alla mostra (alle 11, alle 18.30 e alle 21.30) e la domenica sera si potrà cogliere l'opportunità dell'esperienza unica di visitare la mostra con una guida d'eccezione: il curatore, avvocato Marino De Grassi.

Image